AT League2020/21
(Maschile)
Calcio a 7 Over

10^ PGS Summer Cup LDC Over 40

Archivio news 03/08/2021

COAR PIAGGIO 0 – GENUIS 0 (4-5 d.c.r.)

Gara nervosa e tiratissima, decide il rigore di Garbati

IL PRE PARTITA

Centro sportivo Veritas il teatro della prima semifinale della decima PGS Summer Cup Ldc over 40: a contendersi il passaggio in semifinale Coar Piaggio e Genuis. Quattro vittorie, un pareggio e una sconfitta l’ottimo bottino nella fase regolare per gli i padroni di casa che tra le altre hanno battuto proprio gli ospiti che arrivano al match con uno score di due sconfitte, tre vittorie e un pari più la vittoria per tre a zero negli ottavi contro Energisolar Sardegna. Giocatori di entrambi gli schieramenti carichi dai primissimi minuti, gara che si preannuncia equilibrata e che sfugge a ogni pronostico.

CRONACA LIVE

1’Classica giocata di Valentino Campagnola che cerca il gol direttamente da centrocampo: pallone che costringe Moi a respingere in corner.

5’ Cossu tutto solo in area di rigore fa perno con il corpo, si gira ma la sua conclusione debole scheggia il palo e termina sul fondo.

7’ Punizione per il Genuis: si incarica della battuta Campagnola, c’è la potenza ma non la precisione, pallone che sfila a fondo campo.

12’ Occasionissima per il Coar: Pistis intercetta una palla vagante e dalla sinistra al limite dell’area lascia partire un rasoterra a incrociare che termina di poco a lato.

17’ Rigore per il Coar Piaggio: si incarica della battuta Zara, palla che termina fuori.

20’ E’ il turno di Pisu che con una “legnata” da fuori area va vicinissimo al bersaglio: pallone che accarezza il palo e termina la corsa nelle reti di recinzione.

22’ Pistis approfitta di un errore in disimpegno della difesa del Genuis e da posizione decentrata prova la conclusione in porta con la palla che stavolta termina abbondantemente fuori.

25’ FINE PRIMO TEMPO – Primo tempo contratto, con poche occasioni da gol e un leggero predominio territoriale del Genuis che ha anche avuto qualche chance in più del Coar Piaggio.

27’ Punizione da posizione favorevole per il Coar: si incarica della battuta Zara che costringe Campagnola a salvare la sua porta con un interventi d’istinto di piede.

29’ Conclusione potente da fuori area di Angius con Campognola che respinge a pugni uniti e dice ancora “no”.

31’ Doppio dribbling di Zara che dal limite dell’area lascia partire un bel tiro respinto involontariamente dal compagno Pistis.

33’ Conclusione dalla trequarti di Garbati che cerca la soluzione di potenza: Pala c’è e respinge in corner.

35’ Punizione per il Coar: stavolta batte Pistis con Campagnola bravo a distendersi e a levare la palla dal “sette”.

40’ Cossu resiste a una carica e conclude in porta dall’interno dell’area di rigore: pallone respinto di piede da Pala.

44’ Punizione per il Genuis: Campagnola appoggia per il compagno Cossu che impegna Pala in un intervento difficile.

47’ Lungo lancio di Campagnola che pesca Garbati in area di rigore: il tocco di testa del numero 9 è debole e termina sul fondo.

48’ Cartellino Rosso per Corso.

Rigori: Sarritzu alto; Campagnola gol; Angius gol; Pisu gol; Gio.Siddi gol; Paci gol; Pistis gol; Cossu gol; Laconi gol; Garbati gol. In finale passa il Genuis vincendo la serie dei rigori per 5 a 4.

50’ FINE SECONDO TEMPO – Secondo tempo sulla falsa riga del primo, ma con il Coar che a differenza del primo tempo ha preso campo e creato più occasioni del Genuis che comunque non è rimasto a guardare.

IL POST PARTITA

Vittoria ai rigori per il Genuis che nonostante l’espulsione sul finale di gara mantiene la concentrazione giusta per strappare il biglietto per la finalissima. Il Coar nonostante un secondo tempo in crescendo con diverse occasioni da gol importanti e un rigore sbagliato nel primo tempo non è riuscito a trovare la “zampata” vincente: ai rigore è una lotteria, la squadra esce in semifinale con onore. Un tempo di gioco per squadra, alla fine esce sempre un vincitore è il Genuis non ha rubato nulla riuscendo a fare un errore in meno dal dischetto: passaggio in finale tutto sommato meritato.  

IL TABELLINO

COAR PIAGGIO: Moi 6, Pala 6, Siddi 6, Laconi 6, Angius 6,5, Distinto 6,5, Frau 6, Sarritzu 6,5, Gio.Siddi 6,5, Zara 6,5, Pistis 6,5.

GENUIS: Campagnola 7, Paci 6, Melis 6, Rossi 6,5, Camoglio 6, Lecis 6, Corso 6, Cossu 6,5, Pisu 6,5, Garbati 6,5.

ARBITRO: Addari.

MARCATORI: Angius rig. (C), Gio. Siddi rig. (C), Pistis rig. (C), Laconi rig. (C), Campagnola rig. (G), Pisu rig. (G), Paci rig. (G), Cossu rig. (G), Garbati rig. (G)

AMMONITI:

ESPULSI: 48’ Corso (G)

MIGLIOR GIOCATORE: Cossu (G)

MIGLIOR PORTIERE: Campagnola (G)

LE PAGELLE – COAR PIAGGIO

CRISTIAN PISTIS VOTO 6,5. Il giocatore più pericoloso e intraprendente dell’attacco del Coar Piaggio, Pistis ha avuto almeno tre occasioni importanti da gol create grazie alla sua caparbietà nell’approfittare degli errori della difesa ospite. Sfortunato nei tempi regolamentari le gambe non gli sono tremate dal dischetto: la sua prestazione non è bastata per il passaggio del turno. DETERMINATO.

ROBERTO SARRITZU VOTO 6,5. “Volante” del centrocampo del Coar, Sarritzu ha ispirato buona parte delle azioni offensive dei padroni di casa dettando i tempi del gioco. Il numero otto ha provato anche la conclusione in porta trovando tuttavia sempre attento Campagnola: purtroppo è stato decisivo l’errore dal dischetto. METRONOMO.

ISAAC ZARA VOTO 6,5. Prestazione in crescendo per il numero 9 che ha come unica pecca l’errore dal dischetto nel finale del primo tempo. Insieme a Pistis, Zara è stato il più incisivo nell’attacco dei padroni di casa e solo un po’ di sfortuna gli ha impedito di gonfiare la rete prima dell’arrivo dei calci di rigore. SFORTUNATO.

LE PAGELLE – GENUIS

VALENTINO CAMPAGNOLA VOTO 7. Tante belle parate e come sempre una serie di punizioni “bomba” con le quali Campagnola ha cercato di rendersi protagonista anche in zona gol. Il numero 24 non poteva non presentarsi per uno dei rigori della serie e puntualmente ha depositato il pallone in rete. FELINO.

SIMONE COSSU VOTO 6,5. Il più brillante dell’attacco del Genuis il numero 6 ha sfruttato al massimo un’età decisamente inferiore alla media per creare più di un pensiero alla difesa del Coar. Buona tecnica individuale per Cossu, che tuttavia non è riuscito a trovare lo spunto decisivo nelle diverse occasioni avute: decisivo invece dal dischetto. ISPIRATO.

MAURIZIO ROSSI VOTO 6,5. Preciso e “cattivo” sportivamente in ogni suo intervento difensivo il numero 27 ha anche provato a creare occasioni importanti davanti con cross e inserimenti offensivi. Rossi non si è presentato dal dischetto ma la sua prestazione è stata comunque fondamentale per il passaggio del turno. THE WALL.

Francesco Caruso